Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Conversazioni da evitare a tavola

Vedi anche tipi da guardare con sospetto a tavola.

Tipica cena giapponese.

Tre amici a tavola. Ristorante Giapponese.

Amica3 :” Io adoro il sushi. Mi piace sperimentare, provare piatti esotici.”

Amico1:” E la cucina cinese ti piace?”

Amica3:” I cinesi mangiano la merda.”

Amico1:” Uhm… E gli indiani?”

Amica3:” Indiano non lo mangio. Mia madre mi dice sempre di evitarlo che gli indiani sono sporchi.”

Amico1:“ Il vero giapponese mangia a crudo tutti i giorni.”

Amico2:” Come dire che gli Italiani mangiano pizza tutti i giorni.”

Amico1:” Comunque come si mangia bene in Italia” 

Amica2:” A me piace la pizza all’ortolana”

Amico1:” Secondo me la pizza vera è solo quella alta.”

Amica3:” Giusto. Anzi un giorno di questi dobbiamo andare a Napoli a mangiarci una pizza.”

Amico2:” Io non vengo. Piuttosto che andare a Napoli solo per mangiarmi una pizza, rimango a casa da solo”

Amica3:” Chi mangia da solo si strozza”

Amico2:” Non se ceni con una tazza di latte.”

Amica3:” E che c’hai, tre anni? Io preferisco saltare la cena allora…”

Amico1:” No io la cena proprio non la posso saltare. La colazione, sì. Anzi praticamente la salto sempre.”

Amico2:” Sì e poi a pranzo che ti mangi?”

Amico1:” Ma anche un tramezzino e basta.”

Amico2:” Un tramezzino?”

Amico1:” Ma sì, un tramezzino tonno e carciofini.”

Amica3:” Io a pranzo mi faccio sempre un’insalatona. Con rucola, pachino e aceto balsamico”

Amico1:”Buona. A volte comunque oltre al tramezzino mi faccio anche una mozzarella. Di bufala. O un risotto. L’altro giorno ne ho mangiato uno mari e monti.”

Amica3:” No, io no. La bufala ti alza il colesterolo. E il risotto ti intoppa. Invece l’insalatona è sana. E fa bene pure per quella cosa là…”

Amico2, in affanno:” Quale cosa?”

Amica3:” La stitichezza.”

Arriva il cameriere.

Amico1:” C’è la bistecca di Kobe?”

Cameriere:” Sì. Come la desidera, con o senza aglio?”

Amico1:” Con aglio. Tanto non devo baciare nessuno.” Ride della sua battuta. Poi guarda l’amica .

Amica3:” No io no. Non mangio più la carne. Giusto il petto di pollo grigliato ogni tanto. Voglio solo un sushetto piccolo.”

Amico2:” Allora ci smezziamo un tempurina?”

Amica3:” Sì. Di verdure però.”

Cameriere, rivolto all’amico 1:” E per lei? Un po’ di verdurine di contorno?”

Amico1:”No grazie. Non mangio verdure. Ah, la bistecca ben cotta, mi raccomando.”

Cameriere, rivolto all’amica3:” Nient’altro?”

Amica3:”No, non ho fame in realtà. Ho fatto un abbondante apericena…”

Amico2:” A me un vegetarian roll invece. E un sushi sashimi grande.”

Cameriere:”Bene. E da bere?”

Amica3:” Io voglio lo Shiraz.”

Amico1:” Il vino rosso con il sushi? Che schifo!”

Amico2:” Per me una birra.”

Amico1:” Per me una Coca-cola.”

Il cameriere se ne va. Dopo un po’ arriva con la frittura. Amica3 e amico2 la buttano giù voracemente senza masticare. Poi amica3 e amico1 escono fuori a fumare. Quando rientrano, sono impregnati del freddo di quella serata gelida e della puzza delle loro Marlboro.

Arrivano le portate principali.

Amico1:” Buon appetito.”

Amico2, rivolto all’amico1:” Coca-cola e carne ben cotta. Facevi prima ad andare da MacDonald’s.”

Amico1:” Ogni tanto MacDonald’s è buono…”

Amica3:” Che mi dai un goccio di Coca-Cola?”

Amico1:” Tieni” Passandole direttamente la bottiglietta di vetro dalla quale sta bevendo. Poi, vedendo l’amica perplessa:” Che ti schifi? Guarda che non ho mica l’AIDS.” Ride.

Amico2, che ha ordinato una quantità industriale di roba, rivolgendosi ad entrambi:”Volete un po’ di sashimi?” indicandone i resti sul piatto. E poi:” Non l’ho toccato.”.

Torna il cameriere e mentre sparecchia:” Tutto bene?”

Amico2:” Sì, tutto buonissimo. Complimenti allo chef.”

Amica3:” Ci vorrebbe un’insalatina. Per pulirsi la bocca.”

Amico2, stanco:” Meglio un gelato”

Amico1:” Sì un gelato. C’è il pistacchio?”

Cameriere:” No. Solo gelato al the verde.”

Amica3:” Che schifo. Per me solo uno stuzzicadenti.”

Amico2:” C’è la grappa?”

Cameriere:” Credo di sì”

Amico2:” Barricata?”

Cameriere:” No. Altrimenti un sakè?”

Amico2:” Giusto, buona idea. Facciamo un giro di sakè per tutti?”

Amico1:” No io non bevo. Ne vino ne sakè.”

Amica3:” Io lo prenderei, ma poi mi ubriaco.”

Amico:” Io lo prendo. Io lo reggo, l’alcool.”

Arriva il conto.

Amico2, che ha preso una quantità industriale di roba:” Paghiamo alla romana, giusto?”

Amico1, che sta spulciando ogni singola voce del conto:” Io devo 33,5 euro. Eccone 34, resto mancia.”

Amica3, con fare innocente:” Ehm… Io ho dimenticato il portafoglio a casa.”

 

 

 


 

Commenti

  1. Il momento del conto e' sempre mitico... Chi divide con due o tre bambini con chi i figli non cel'ha??
    Ex med 0,05

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Se i bambini sono piccoli (e praticamente mangiano si e no una portata) non andrebbero considerati nelle "divisioni". Poi, certo, c'è chi vuole mangiare fuori e non se lo può permettere e allora fa pagare ad altri il proprio conto: consideriamola beneficenza ;-)

      Elimina
  2. Cosiglio a tutti una lettura fondamentale: "dieta GIFT, dieta di segnale" di Attilio e Luca Speciani. È ora di imparare come alimentarsi correttamente.

    RispondiElimina
  3. NOOOOOO rucola, pachino e aceto balsamico? Era un'esperienza vissuta del "tipo da guardare con sospetto a tavola"?

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Più letti della settimana

Afrodisiaci: il più potente del mondo.

Dieci cose da sapere sulle malattie infettive prima di intervenire in discussioni insensate sui Vaccini attraverso piattaforme social [1]

Paccheri cernia, pomodorini e olive nere

Tartare di cervo

Polenta al ragù, salsiccia e spuntature di maiale

Kobe beef ovvero la bistecca più buona del mondo