lunedì 14 maggio 2012

Pasta e fagioli coi funghi


Tempo di preparazione: 60 min.

Difficoltà: media

Segreto: consumare esclusivamente tra estranei

Eh sì, perché in questo caso, al contrario di quanto avviene per i piatti ricchi di aglio – tipo l’ormai celebre pollo ai 40 spicchi d’aglio – la tentazione di cedere alle insinuazioni sulle possibili conseguenze del consumo di un piatto ricco di fagioli sono meno socialmente accettabili di quelle sull’impatto dell’aglio sulla conversazione. Ed è quindi solo tra amici – preferibilmente maschi – che tornano fuori tutte quelle amenità che potremmo riassumere sotto il titolo “Le conseguenze del fagiolo” come ad esempio la famosa barzelletta:”Sai che differenza c’è tra un fagiolo ed un fagiano?”. Quindi armatevi di santa pazienza e preparate la pasta e fagioli per il vostro capo, o per il pranzo con i futuri suoceri o persino in una cena romantica con l’oggetto dei vostri desideri oppure, meglio ancora, godetevi questo piatto da re in assoluta solitudine, con tanto di canottiera d’ordinanza e divano istituzionale.



Per i fagioli: su questo non transigo, cannellini o borlotti che siano- o meglio ancora un mix- o freschi o secchi, ma di sicuro mai in scatola precotti. Se, come me in questo caso, prendete quelli secchi, metteteli a bagno per 10-12 ore e poi fateli lessare in abbondante acqua salata assieme ad una carota, un porro e del sedano rapa. Ci vorranno circa  90-120 minuti. In un pentolino fate bollire della passata liscia di pomodoro assieme ad un cucchiaio d’olio, un spicchio d’aglio ed una patata sbucciata e tagliata a pezzettini. Dopo una mezz’oretta, quando la patata si sarà ammorbidita a sufficienza, riversate il contenuto nella pentola dei fagioli.

Per i funghi: ho usato degli champignon di livello medio, li ho puliti sotto l’acqua corrente – senza mai immergerli per non rovinarli: non dimenticate che i funghi sono delle spugne – aiutandomi con un panno e li ho tagliati al coltello. In una padella bella larga ho fatto caramellare del porro tagliato a rondelle e poi ho messo giù i funghi. In questa fase non nuoce aggiungere un paio di scaglie di burro, sale e pepe. Fate andare finche' gli champignon non assumeranno la loro tipica colorazione bruna. Calate infine una bella mestolata della zuppa di fagioli, avendo cura di coinvolgere anche uno o due pezzi di patata, controllate di sale e amalgamate.

Mentre la pasta viene rapidamente sbollentata, trasferite nel mixer parte del vostro condimento e fatene una crema. La userete durante la fase di mantecazione direttamente in padella. Calate quindi la pasta molto al dente nella padella contenente la salsa- presumibilmente molto liquida vista la commistione con la zuppa di fagioli- e fate andare fino a cottura ultimata della pasta, evento che per forza di cose dovrà corrispondere con il desiderato grado di amalgama: a me personalmente la pasta e fagioli piace tendenzialmente asciutta ma mai come in questo caso... De gustibus.

Controllate di sale e impiattate. Direttamente nei piatti condite con abbondante pepe macinato al momento, una spolverata di parmigiano e un rametto di rosmarino.

Consiglio del Sommelier: ho bevuto con la pasta e fagioli coi funghi una bottiglia PAYR- rubin carnuntum- interrompendo così un periodo ascetico analcolico che durava quasi da una settimana. Si tratta di un vino rosso austriaco che si distingue per sentori speziati quali tabacco e cuoio e richiami alle marmellate di frutti di bosco tipici di queste latitudini. In ogni caso, la pasta e fagioli con i funghi si sposa alla grande con vini rossi di un certo pregio che abbiano già avvicinato l’età della maturazione e propongano quindi quei sentori adulti necessari ad arginare la forza di questo piatto.

E comunque “… che il fagiano prima lo spari e poi lo mangi e il fagiolo prima lo mangi e poi … lo spari!”

Enjoy it!

11 commenti:

  1. Le conseguenze del fagiolo...

    RispondiElimina
  2. eii...ma il tuo blog è interessantissimo!!!
    hai ragione,alzo le mani e ti faccio i miei migliori complimenti! :)
    a presto,ciao ciao

    RispondiElimina
  3. ciao Andy, piacere di conoscerti e grazie per essere passato da me, complimenti per i tuoi piatti che sono davvero di mio gusto.
    Ti rispondo qui alla domanda che mi hai fatto, per le foto uso una luce naturale, fotografo sempre di giorno e spesso sul balcone.
    a presto
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, ma a che ora del giorno?
      ;-)

      E solo d'estate?

      Grazie di essere passata, ciao e a presto

      Elimina
  4. Vada x solitudine, divano e canotta con patacca, aggiungo pure il Micio che tanto lui mi ama e adora anche se mangio pasta e fagioli ;) Buooona!Interessante con l'aggiunta degli champignon, non ci ho mai pensato, un'ottima accoppiata di prodotti della terra, da provare quanto prima!Il tuo blog è fichissimo, mi piace e mi diverte, a presto!!!PS cmq la milefoglie di spada sarà stata anche ok ma a me non è piaciuta particolarmente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La millefoglie di spada incontro il mio gusto per i nomi complicati di piatti altrimenti semplici: mi diverte infatti crearne di artificiosi come forma di difesa verso le derivazioni pret-a-porter della haute cuisine.

      Grazie comunque e a presto!

      Elimina
  5. :-D ah ma allora sei davvero un temerario!
    A proposito .... anche io ho pubblicato la pasta e fagioli ed è uno dei miei piatti preferiti.
    MA...NON la mangio in canotta.
    Io "porto rispetto" per questo piatto ricco di proteine vegetali e tanto tanto ma tanto buono.
    Quindi pasta e fagioli sì, magari anche da sola, ma con tacco 12 :-D
    (mai fatto con i funghi però.... dici che devo provare?)
    A proposito.....cos'è questa storia del fagiano e del fagiolo?
    In tutti i casi mi piace il tuo blog quindi...mi appiccico. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trattasi di becera barzelletta che sintetizza chiaramente quell "conseguenze del fagiolo" oggetto di conversazione quando la pasta suddetta e' consumata in ambienti ad alto contenuto di testosterone ed umorismo da caserma.

      Mi diverte molto l'immagine della pasta e fagioli con tacco 12 ;-)

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. approvato in tutto e per tutto; servine pure un piatto abbondante (ma per me senza parmigiano...).
    Peccato solo che tu non abbia un bel cucchiaione colorato e plasticoso... se vuoi te lo presto io, ne ho un servizio completo! ;)
    Ciao, un abbraccio

    RispondiElimina